Coronavirus, la UEFA rinvia l’Europeo al 2021. Positivi Matuidi e Zaccagni. Sei casi all’Espanyol

E’ arrivata oggi la decisione della UEFA in merito al rinvio dell’Europeo 2020. A causa dell’emergenza Coronavirus, che coinvolge tutto il mondo, la UEFA ha deciso di rinviare l’Europeo 2020, previsto per giugno, al 2021. Così come la Copa America è stata rinviata al 2021. Questo il comunicato: “La UEFA ha annunciato oggi il rinvio della sua principale competizione per squadre nazionali, ovvero EURO2020, che si sarebbe dovuto svolgere tra giugno e luglio di quest’anno. La salute di tutti coloro che sono coinvolti nel gioco è la priorità, oltre ad evitare di esercitare pressioni inutili sui servizi pubblici nazionali coinvolti nelle partite. La decisione aiuterà tutte le competizioni nazionali, attualmente in attesa a causa dell’emergenza COVID-19, a terminare il proprio corso”.

La UEFA ha anche annunciato che si impegna a completare le competizioni europee, Champions ed Europa League: “Un impegno a completare tutte le competizioni nazionali ed europee per club entro la fine della stagione sportiva in corso, ovvero al più tardi il 30 giugno 2020, qualora la situazione migliorasse e riprendesse a giocare fosse adeguata e sufficientemente prudente. Possibili limitazioni o riduzione degli attuali slot esclusivi del calendario, che potrebbero comportare la programmazione delle partite di campionato nazionali a metà settimana e la programmazione delle partite delle competizioni UEFA per club nei fine settimana. Eventuali adattamenti dei turni di qualificazione della UEFA Champions League 2020/21 e della UEFA Europa League in caso di completamento tardivo della stagione sportiva 2019/20, ovvero dopo il 30 giugno 2020″.

Inoltre, dopo Daniele Rugani, difensore della Juventus, è risultata positiva anche la sua compagna, Michela Persico, anche lei asintomatica e in quarantena nella sua abitazione. E’ degli ultimi minuti, invece, la notizia della positività al Coronavirus di Blaise Matuidi, centrocampista della Juventus: “Il calciatore Blaise Matuidi è stato sottoposto ad esami medici che hanno rivelato la sua positività al Coronavirus-COVID-19. Il calciatore, da mercoledì 11 marzo, in isolamento volontario domiciliare, continuerà ad essere monitorato e a seguire lo stesso regime. Sta bene ed è asintomatico”.

In casa Hellas Verona arriva la notizia del primo positivo, si tratta di Zaccagni: “Hellas Verona FC comunica che Mattia Zaccagni è stato sottoposto ad esami medici che hanno evidenziato la sua positività al Coronavirus-COVID-19. Il calciatore, così come tutta la squadra, prolungherà il già attivato isolamento volontario domiciliare sino al prossimo 25 marzo, continuando ad essere monitorato. Zaccagni sta bene: nei giorni scorsi ha avuto solo qualche linea di febbre.

Anche l’Espanyol comunica la positività di 6 tra calciatori e membri dello staff tecnico: “Questo pomeriggio è stato confermato che 6 membri del primo staff e dello staff tecnico dell’RCD Espanyol de Barcelona si sono dimostrati positivi per i test COVID-19 eseguiti nelle ultime ore. Tutti hanno sintomi lievi e si conformano alle raccomandazioni mediche“.