VUELTA A ESPAÑA 2016, 16ª tappa: spunto vincente di Drucker

Tornano le volate alla Vuelta a España 2016, 16ª tappa a Jempy Drucker che regola il gruppo in una volata convulsa e tiratissima. In scioltezza i big, che approfittano della tappa di trasferimento per recuperare preziose energie. Peccato per Bennati, che prova l’azione da finisseur nel finale ma viene ripreso proprio negli ultimi metri.

La seconda settimana della Vuelta a España 2016 termina con una frazione senza insidie. Sono 156,4 i chilometri in programma oggi, da Alcañiz a Peñíscola. Una giornata che porta i corridori in Comunità Valenzana e con il solo Alto Castillo de Morella a creare qualche grattacapo. Da lì in avanti però non ci sono difficoltà fino al traguardo. L’occasione ideale per chi vuole fare la volata, ma in gruppo la fatica acculata rende particolarmente difficile tenere chiusa la corsa.

Appena dopo il via, infatti, attaccano immediatamente sei atleti. I corridori che vanno a formare la fuga sono Silvan Dillier (BMC Racing Team), Sven Erik Bystrøm (Team Katusha), Davide Villella (Cannondale-Drapac Pro Cycling Team), Mário Jorge Faria da Costa (Lampre-Merida), Luis Ángel Maté Mardones (Cofidis, Solutions Crédits) e Julien Morice (Direct Énergie). Il gruppo concede spazio ma non senza tenere del controllo. Il vantaggio massimo non supera mai i 3’14” grazie al lavoro del Team Giant-Alpecin, interessato alla volata. A metà tappa, poco prima del GPM, Simon Yates (Orica-BikeExchange) è vittima di una caduta. Fortunatamente il britannico non riporta conseguenze e rientra rapidamente in gruppo.

Alla formazione tedesca si uniscono poi la IAM Cycling, il Team Dimension Data e la Etixx-Quick Step. Nella zona di rifornimento fisso il gruppo si fraziona in due tronconi, ma il ricompattamento avviene in breve tempo. L’azione dei sei fuggitivi giunge agli sgoccioli ai -20, quando il gruppo dista 40” circa dal drappello. Per una decina di chilometri provano a resistere Bystrøm, Maté Mardones e Dillier ma anche loro vengono ripresi.

Gli ultimi dieci chilometri sono particolarmente insidiosi, con curve e rotonde fino agli ultimi 1000 metri. Per non correre rischi il Team Sky tiene le prime posizioni fino ai -5, quando subentrano le squadre dei velocisti. Negli ultimi 2000 metri incominciano a formarsi i treni ma Daniele Bennati cerca di anticipare tutti grazie alla tortuosità nel finale. Il corridore toscano tiene bene e prova l’impresa nell’ultimo chilometro, ma viene ripreso ai 200 metri. Parte lo sprint, Meersman cerca il bis ma è Drucker questa volta a regolare tutti.

Vuelta a España 2016, 16ª tappa: ordine d’arrivo

1) Jempy Drucker (BMC) in 3h 21′ 18”
2) Rüdiger Selig (BOA) s.t.
3) Nikias Arndt (TGA) s.t.