PALLANUOTO – Ad Imperia, è Settebello-show: Francia schiantata 12-3

La pallanuoto italiana riscopre in Imperia un grandissimo spot per tutto il movimento. Il Settebello riscatta la sconfitta in Montenegro e batte la Francia per 12-3 , in una Piscina Felice Cascione debordante e riempita da oltre 1000 spettatori.

Il cammino in Europa Cup si raddrizza ma il vero nodo per arrivare alle Finali di World League sarà l’assegnazione della rassegna come paese ospitante. E i rumors danno i transalpini in vantaggio, fatto che renderebbe vano ogni altro discorso. La partita comunque ha avuto una sola squadra protagonista: l’Italia di Campagna ha dominato in lungo ed in largo e già all’intervallo lungo era sull ‘8-1. Nella seconda parte di gara, Di Fulvio ed Echenique prendono per mano la squadra ormai avviata alla vittoria. Il pubblico è esploso alla sirena finale ed ha applaudito Capitan Matteo Aicardi, eletto miglior giocatore della partita. Proprio nella sua Imperia.

Il centroboa, inoltre, è stato protagonista di molti incontri nella città che gli ha dato i natali pallanuotistici:” Conservo bellissimi ricordi di Imperia e della Rari Nantes perchè eravamo un grande gruppo. Ho fatto tanti sacrifici anche da giovane: andavo a scuola a Loano, studiavo in piscina ad Imperia, mi allenavo e tornavo a casa a mezzanotte passata. Questa città accoglie la pallanuoto sempre con tanto calore, basta vedere il pubblico di oggi. Ho visto tanti giovani e mi viene in mente quando a 12 anni il mio allenatore mi portò qua a vedere una partita della Nazionale. Quel giorno mi innamorai di questo sport.

Al Capitano (per la prima volta con i gradi) hanno fatto seguito le parole del CT Sandro Campagna:” Ringraziamo in primis il pubblico accorso numerosissimo alla Cascione.  E’ davvero bello giocare con una cornice così. E speriamo di tornare presto. Abbiamo affrontato una squadra giovane che ha posto come obiettivo l’Olimpiade 2024 in casa, a Parigi. E’ stato un buon test per valutare i ragazzi che si sono messi in luce con i loro club.”

In acqua è scesa una squadra giovanissima con molti ragazzi che faranno tesoro di questa esperienza: dal portiere del Recco Massaro, ai romani Spione e DeMichelis passando per Mirarchi che nel Settebello si sta ricavando buoni spazi ed è tornato ad Imperia dove vivono i suoi nonni.

ITALIA – FRANCIA 12-3
(4-0; 4-1; 1-2; 3-0)
ITALIA: Del Lungo, F. Di Fulvio 2, Molina Rios 2, E. Di Somma, Spione, Velotto 1, Damonte 2, Echenique 2, Mirarchi, Aicardi 2, Bertoli 1, Massaro. All. Campagna.
FRANCIA: Garsau, Saudadier 1, Mustur, Kashz, Blary 1, Muntambayi, Crousillat 1, Crosetti, Monneret, Canonne, Bachelier, Lepoint, Dubois. All. Vukanic.
Arbitri: Savinovic (Cro) e Gomez (Esp).
Note:  Nessuno uscito per limite di falli. Superiorità numeriche: Italia 4/7, Francia 0/4. Spettatori 1000 circa. Dubois (F) entra a inizio quarto tempo. Italia con 12 giocatori a referto. Delegato: Molnar (Hun).
Nell’intervallo lungo i piccoli atleti della Rari Nantes Imperia sfilano a bordovasca con un lungo striscione che inneggia a “Genova nel Cuore”.