SAMPDORIA – Ramirez la decide con una gemma: Fulham battuto 1-0

Sotto gli occhi del grande ex Gianluca Vialli, la Samp vince 0-1 sul Fulham, la prima sfida della tourneè inglese 2018. A decidere la contesa: un gol magistrale di Ramirez nel finale.

PRIMO TEMPO – Quagliarella va k.o. prima dell’avvio e Giampaolo mettere Ramirez in una Samp che fatica a sciogliere i muscoli e distendersi. Infatti, l’avvio è di marca Fulham che, quando si accende Schurrle, diventa molto pericoloso, con due tiri dalla distanza che sfiorano i legni di Audero. Soltanto nell’ultimo quarto d’ora, i genovesi si riprendono: prima LeMarchand salva sul cross di Murru a portiere battuto, poi Caprari aggancia d’esterno saltando l’estremo difensore ma si trascina la palla sul fondo. Ancora il piccolo romano ci prova con un tiro a giro che però non c’entra la porta. In generale, la Samp del primo tempo appare imballata e, davanti, produce poco isolando Kownacki: le uniche palle gol arrivano da situazione di contropiede o di lanci a scavalcare la linea difensiva avversaria. Va apprezzata la costante ricerca del possesso palla, provando sempre la giocata.

SECONDO TEMPO – Ritmi decisamente più bassi nella ripresa dove la Samp è più pericolosa dei londinesi. Prima della girandola di cambi, Fabri salva sulla linea. Poi Jankto sbuccia di testa un grande cross di Sala, a rete praticamente fatta. In mezzo Fossey continuava a sconquassare la fascia destra. Ma nel finale, Ramirez si inventa una magia delle sue: prende palla ai 25 metri e fa partire un interno sinistro magistrale che si spegne sotto l’incrocio dei pali. Game, Set, Match: la Samp vince la prima trasferta inglese della tourneè.

CHI SALE – Joachim ANDERSEN mostra già giocate da leader nonostante la giovane età ed i pericoli arrivano soltanto dalla distanza. Benino anche Kownacki: si sbatte ma ci vuole qualcosa di più.

CHI SCENDE –  Jankto non dà quell’apporto offensivo che cambierebbe il volto della Samp. Appare lento ad effettuare la giocata e in fase di copertura soffre sempre. Maluccio anche Tavares che in venti minuti soffre molto.

I NUOVI ARRIVATIEmil AUDERO non effettua grandi interventi ma dà al reparto una sicurezza da veterano. Sicurezza che, piano piano, si prende anche COLLEY: partito malino poi in ripresa. Come detto, da JANKTO ci si aspettava di più: non è un’insufficienza grave, sia chiaro ma i tifosi vogliono applaudire un giocatore diverso. Gregoire DEFREL (dal 63′) cerca sempre i compagni, prova buone giocate in velocità ma contro i mastodontici difensori non trova grandi spazi. Alex FERRARI (dal 63′) il suo è un ottimo lavoro: non compie interventi prodigiosi ma Mitrovic viene annullato con la complicità di un superbo Andersen. TAVARES (dal 71′) venti minuti di sofferenza contro il fisico Kamara: puntato viene saltato e gli scappa su palla da fermo.

FORMAZIONI – FULHAM 0-1 SAMPDORIA
SAMPDORIA: Audero (71′ Belec); Murru (71′ Tavares), Andersen (88′ Leverbe), Colley (63′ Ferrari), Sala (71′ Bereszinski); Jankto (78′ Verre), Barreto (63′ Linetty), Praet; Ramirez (88′ Rolando); Caprari (63′ Defrel), Kownacki (78′ Stijepovic). All.: Giampaolo.
FULHAM: Fabri; Fossey(73′ Christie) , Odoi, LeMarchand (60′ Ream), Sessegnon (73′ R.Sessegnon); McDonald (60′ Seri), Cairney (46′ Johansen), Cissè; Schurrle (60′ Kebano), De la Torre (73′ Kamara), Fonte (60′ Mitrovic). All: Jokanovic
ammonito: Jankto (S) 33′
reti: 80′ Ramirez (S)

Parole Chiave