F1, Che fine ha fatto Narain Karthikeyan: dove gareggia adesso l’ex Jordan ed HRT

CHE FINE HA FATTO KARTHIKEYAN E DOVE GAREGGIA ADESSO/  Narain Karthikeyan, il pilota indiano protagonista di record negativi in F1. Pochi gli spunti positivi, infatti, di una carriera ad alti livelli durata davvero poco per il pilota asiatico. Ma che fine ha fatto l’ex pilota di Jordan e HRT? Ve lo diciamo noi, in questa rubrica speciale dedicata a protagonisti (e non) del motorsport!

Khartikeyan: età

Narain Khartikeyan, nato a Chennai in India il 14 gennaio 1977, è un pilota automobilistico indiano tuttora in attività.

Karthikeyan: l’inizio della carriera

Una carriera iniziata nel migliore dei modi per Narain Karthikeyan. Il pilota indiano infatti, a solamente 19 anni riuscì a raggiungere il successo nella Formula asiatica. Successivamente, nonostante non ottenne risultati rilevanti, accumulò comunque esperienza in categorie come F3 e World Series by Renault, importanti per la crescita sportiva e, soprattutto, per provare a realizzare un sogno davvero speciale: gareggiare in F1 fra i migliori piloti del mondo.

Karthikeyan: F1

Nel 2005 il grande sogno si avvera. Narain Khartikeyan esordisce in F1 alla guida della Jordan, conquistando nel bizzarro Gp degli Stati Uniti, sul circuito di Indianapolis, un positivo quarto posto in gara – corsa disputata da soltanto sei vetture, tutte gommate Michelin – . Nelle tappe successive del mondiale, però, non ci furono altre occasioni per il pilota indiano di concludere in zona punti, anche perché la sua Jordan si dimostrò nell’arco dell’anno davvero poco performante. Nelle due stagioni successive, nel 2006 e 2007, non prese parte al mondiale di F1, ma contribuì comunque alla causa di una storica scuderia inglese, la Williams, di cui divenne il collaudatore anche grazie alla sponsorizzazione del gruppo industriale indiano Tata. Nonostante le mancate partecipazioni nella massima serie automobilistica, comunque, il pilota indiano non si fermò: dal 2007 al 2010 gareggiò nell’A1 Grand Prix, correndo in nome della propria nazione in questa speciale competizione.

Il ritorno in F1

Il ritorno in F1 del pilota asiatico è addirittura meno felice del debutto nel 2005. In HRT, infatti, Khartikeyan non raggiunge nemmeno una volta la top 10. nel 2011, nel corso della prima stagione alla guida della vettura spagnola, ottenne come miglior piazzamento un 17° posto e dal Gp di Silverstone venne sostituito da Daniel Ricciardo, ad eccezione del Gp d’India, per motivi di sponsorizzazione. Nella stagione successiva, nel 2012, venne confermato a bordo della monoposto iberica e corre così tutte le tappe del mondiale. Durante l’anno, grazie ad un 15° posto ottenuto nel Gp di Montecarlo, raggiunge un piazzamento che gli permette di concludere la stagione davanti al proprio compagno di squadra, Pedro de la Rosa. Proprio nella stessa stagione, però, la carriera dell’indiano nella massima formula automobilistica termina, con la consapevolezza però di essere stato il migliore indiano di sempre nella categoria e la soddisfazione di avere ottenuto, comunque, dei punti iridati in carriera.

Karthikeyan, i record… negativi

Una carriera durata davvero poco in F1 per Narain Khartikeyan, che è comunque stato in grado di conquistare punti nel mondiale e altri piazzamenti positivi, anche se non riuscì mai a ripetere le stesse prestazioni del Gp degli Stati Uniti del 2005. Ma c’è un record che contraddistingue il pilota indiano: è infatti l’unico pilota ad aver concluso, nella storia della F1,  in 24° posizione, precisamente nel Gp d’Europa a Valencia nel 2011 – una gara particolare, in cui tutte le vetture conclusero la corsa senza nemmeno un ritiro. Un record davvero bizzarro e negativo, motivo di battute e risate dei tanti fan e appassionati della massima serie automobilistica…

Dove gareggia adesso Narain Khartikeyan

Dopo aver concluso definitivamente la propria carriera in F1, Narain Khartikeyan debuttò nel campionato Auto-GP nella stagione 2013. Correrà nella categoria automobilistica le prime tre gare con il Team Zele Racing, per poi passare alla scuderia Super Nova Racing. Dal 2014, invece, corre nella Super Formula giapponese dove gareggia tutt’oggi.

Parole Chiave