Serie A, 38esima giornata – Retrocede il Crotone, urlo Inter: è Champions League!

38esima giornata di Serie A carichissima di emozioni: nel match clou dell’ultima domenica di campionato, quello tra Lazio ed Inter disputato allo Stadio Olimpico, i nerazzurri conquistano clamorosamente la qualificazione alla prossima edizione della Champions League grazie alla vittoria per 2-3, arrivata grazie ai gol di D’Ambrosio, Icardi (su rigore) e Vecino (per i biancocelesti i marcatori sono stati Felipe Anderson ed un autogol di Perisic).

Fino a circa 15 minuti dal termine del match tutto faceva presagire la vittoria dei biancocelesti, in vantaggio per 2-1 e con una condizione psicofisica migliore rispetto agli avversari. Poi, in soli 5 minuti, tutto è cambiato: prima il rigore causato da De Vrij, che ha steso Icardi con una scivolata fuori tempo ed ha permesso allo stesso numero 9 nerazzurro di trovare il gol del 2-2. Poi, solo 60 secondi dopo, arriva l’espulsione per doppia ammonizione di Senad Lulic, anch’egli reo di aver commesso una dura scivolata su Marcelo Brozovic e mandato di conseguenza sotto la doccia dall’arbitro Rocchi.

Al minuto 81, infine, il delirio: calcio d’angolo battuto proprio dal croato, colpo di testa di Matias Vecino che si insacca sotto la traversa e fa esplodere l’intero settore dei circa 10.000 tifosi nerazzurri presenti nella capitale. Finale al cardiopalma che si conclude con 10 minuti di tentativi di pareggio da parte dei laziali, resi però vani da una rocciosa compattezza difensiva degli uomini di Spalletti. Al termine del match, quindi, Inter in Champions League e Lazio in Europa League.

Amaro il commento di Simone Inzaghi, tecnico dei biancocelesti, al termine della sfida: “Oggi abbiamo dominato la partita, l’Inter ha creato pochissimo ma ha segnato tre gol. I nerazzurri vanno in Champions con il nostro stesso numero di punti. Abbiamo il miglior attacco del campionato, evidentemente non è bastato”.

Dall’altra parte, invece, mister Spalletti ha deciso di non presentarsi davanti ai microfoni della stampa, per lasciare le luci della ribalta ai suoi giocatori, definiti da lui stesso fin dall’inizio i veri protagonisti di questa cavalcata vincente. Ecco quindi il commento del capitano nerazzurro Mauro Icardi: “Abbiamo avuto ragione perché era l’obiettivo che avevamo dall’inizio dell’anno, eravamo consapevoli di potercela fare e oggi abbiamo fatto un’impresa perché si era messa male e l’abbiamo ribaltata”.

Nel resto delle partite, inoltre, da registrare la larga vittoria del Milan contro la Fiorentina che permette ai rossoneri di evitare il terribile settimo posto e costringe l’Atalanta (sconfitta a Cagliari 1-0), di conseguenza, a fare i preliminari di Europa League. A nulla è valso il gol del vantaggio Viola di Simeone: la squadra di Gattuso, dopo aver subito lo svantaggio, si è scatenata massacrando quella di Pioli col risultato di 5-1.

In coda alla classifica, infine, amara retrocessione per il Crotone di Walter Zenga: sconfitta 2-1 contro il Napoli per i calabresi, che lasciano l’ultimo posto disponibile per salvarsi alla SPAL di Leonardo Semplici, vittoriosa contro la Sampdoria per 3-1 davanti al proprio pubblico.

Ecco tutti i risultati della 38esima giornata di Serie A: Juventus-Hellas Verona 2-1; Genoa-Torino 1-2; Napoli-Crotone 2-1; Chievo-Benevento 1-0; Cagliari-Atalanta 1-0; Milan-Fiorentina 5-1; SPAL-Sampdoria 3-1; Udinese-Bologna 1-0; Sassuolo-Roma 0-1; Lazio-Inter 2-3.