Coppa Italia, vince la Juventus: schiacciato il Milan con un netto 4-0

La Juventus stravince la finale di Coppa Italia battendo il Milan con un netto 4-0. I marcatori sono stati Benatia, autore di una doppietta, Douglas Costa ed un autogol di Kalinic. Dopo un primo tempo abbastanza equilibrato, nel quale i rossoneri sembravano pienamente dentro il match, nella ripresa la squadra di Allegri è entrata in campo con un piglio diverso ed ha fatto sua la partita con un risultato molto rotondo.

L’incontro viene sbloccato al minuto 56 quando Benatia trova il gol staccando di testa da calcio d’angolo su cross di Pjanic: timide proteste da parte del Milan per un contatto sospetto tra Barzagli e Cutrone, ma l’arbitro Damato, rassicurato dal silent check col VAR, conferma la validità della rete.

Da quel momento la Juventus prende ancor più in mano la gara e non lascia più spazio a dubbi: dopo soli 5 minuti arriva il raddoppio degli uomini di Allegri, con grande complicità, però, del portiere rossonero Donnarumma. Douglas Costa, da fuori area, fa partire un tiro non irresistibile sul quale Gigio si avventa tentando di bloccare il pallone ma facendoselo scappare alle spalle. Il 19enne è poi colpevole anche della terza rete dei bianconeri, realizzata nuovamente da Benatia, nella quale perde dalle mani un pallone facilissimo su cui si avventa il marocchino che chiude definitivamente il match.

Il quarto gol arriva poi al minuto 76, sempre su calcio d’angolo, grazie ad una deviazione sfortunata di Nikola Kalinic che sorprende Donnarumma e realizza l’autogol che fissa il risultato finale sul definitivo 4-0. Juventus che vince quindi la quarta Coppa Italia consecutiva e realizza il “double” (Scudetto + Coppa Italia) per il quarto anno di fila, tutti con Allegri allenatore.

“Avevo detto ai ragazzi che questa serata se la dovevano regalare per loro dopo tante soddisfazioni regalate ai tifosi e alla società. Sono loro gli artefici di queste vittorie e quando giocano seriamente diventa dura per gli altri. Hanno dimostrato di essere veramente una grande squadra e un grande gruppo” sono state le parole di Massimiliano Allegri, tecnico della Juventus. Più duro invece Gennaro Gattuso, allenatore del Milan, che ha invece dichiarato: “Il calcio è così, il risultato non rispecchia quello che abbiamo fatto però gli errori si pagano e quindi accettiamo questa sconfitta e guardiamo avanti. Qualche peccato di gioventù l’abbiamo commesso, ma di certo non abbiamo perso per colpa di Donnarumma, che io continuerò a proteggere. La qualità dei bianconeri ha fatto la differenza”.

Prossimi impegni decisamente più determinanti per il Milan, che affronterà l’Atalanta a Bergamo e la Fiorentina in casa in una doppia sfida decisiva per l’Europa League: lo spareggio vero e proprio sembra essere quello contro la squadra di Gasperini, ma anche i ragazzi di Pioli restano in agguato a soli 2 punti dalla Dea e a 3 dal Diavolo.

La Juventus, invece, è attesa dalla trasferta dell’Olimpico contro la Roma e dall’impegno casalingo contro l’Hellas Verona: lo Scudetto è già praticamente vinto, la differenza reti risulta irrecuperabile per il Napoli e sarà sufficiente un pareggio in questi 180 minuti per ufficializzarlo anche in termini di punti.