RUGBY – Al Principality Stadium in Galles nasce il settore analcolico

In Galles, al Principality Stadium verrà creato un settore analcolico all’interno dello stadio: l’alcol sarà bandito contrariamente a tutte le tradizioni di questo sport.

Nell’ultimo periodo sono state introdotte numerose nuove regole all’interno del mondo del rugby. Norme che, secondo i puristi di questo sport, stanno un po’ snaturando l’essenza del gioco: dagli ingaggi in mischia gestiti più dagli arbitri che dai pack, alle eccessive sanzioni comminate per entrate particolarmente violente, ai placcaggi un tempo ritenuti duri, oggi scorretti.
Ma oltre a queste regole tecniche, sono state introdotte anche delle nuove norme all’interno degli stadi.

A non prendere bene queste nuove decisioni saranno sicuramente i tifosi del Galles in quanto al Principality Stadium verrà creata una zona alcol-free: dove alcol-free non sta per alcol gratis ma una zona dello stadio all’interno del quale l’alcol sarà bandito.

E’ stato il direttore generale della federazione Martyn Phillips a spiegare le motivazioni che lo hanno spinto a prendere questa decisione: “Sappiamo che per la vasta maggioranza dei tifosi bere una birra fa parte integrante dell’esperienza di una partita. Ma abbiamo identificato una fetta di spettatori che gradirebbe assistere al match in un settore ‘analcolico’. Verrà quindi creato e testato in occasione dei 4 match in programma il prossimo novembre con Scozia, Australia, Tonga e Sudafrica.”
Analizzando la relazione promossa dalla federazione gallese si nota che spesso nel corso delle partite si sono verificati atti di disturbo dovuti all’abuso di alcol e molto spesso a risultare indifesi sono stati gli spettatori con disabilità. Per questo motivo è stato anche richiesto un incremento del 30 percento degli spazi riservati ai disabili.
Infine, va specificato che il settore “analcolico” verrà creato nella North Stand, dove la vendita sarà possibile, ma gli spettatori non potranno sedersi al loro posto con la birra.