Giro d’Italia, Simon Yates trionfa anche ad Osimo: Dumoulin non molla

Simon Yates tiene in pugno il Giro. La maglia rosa è in stato di grazia, non si risparmia: dopo la vittoria sul Gran Sasso, arriva quella di Osimo, undicesima tappa del Giro d’Italia (156 km), con una rasoiata chirurgica negli ultimi 1500 metri, quando la strada si impenna al 16%. Un’azione esemplare per esplosività e tempismo, una dimostrazione di forza alla quale resiste solo Tom Dumoulin, che così si candida come rivale principale del britannico nella corsa alla vittoria finale. L’olandese chiude secondo e, su un arrivo meno adatto alle sue caratteristiche, contiene il distacco in 2’’. Terzo il bravo Davide Formolo, al secondo podio dopo la tappa di Montevergine

La seconda vittoria in maglia rosa dopo il successo in cima a Campo Imperatore proietta Yates a 47’’ su Dumoulin e a 1’04’’ su Pinot (settimo a Osimo, a 8’’). Il migliore degli italiani è sempre Pozzovivo, quarto a 1’18’’, che precede la maglia bianca Carapaz. Il ritardo di Aru supera ora i tre minuti e si attesta a 3’10’’, più indietro Froome che scivola al 12° posto con 3’20’’.

Dopo aver omaggiato Gino Bartali alla partenza e dopo i primi 30 km i tentativi di fuga, il gruppo alle spalle controlla, tenendo gli attaccanti intorno ai 3’. Momento emotivamente molto intenso quando il Giro taglia il traguardo volante di Filottrano, il paese dell’indimenticato Michele Scarponi.

Il gruppo torna compatto ai -5 km, quando inizia la parte più complicata ed esplosiva della tappa. Sullo strappo di via del Borgo, rasoiata di Stybar con Wellens che prende la ruota. È il momento in cui Froome inizia ad andare in difficoltà. Quando la strada risale in via Olimpia per un nuovo muro al 16%, prima Stybar, poi Wellens vengono ripresi e Yates apre il gas. Dumoulin è il primo a reagire, ma non riesce più a tornare sul britannico che festeggia la seconda vittoria al Giro.

Quest’oggi, giovedì 17, si riparte da Osimo e si arriva a Imola per la dodicesima tappa del Giro d’Italia. Il circuito finale, di 15,3 km, si svolge in parte sul circuito e in parte all’esterno.

Ecco la classifica aggiornata al 17 maggio:

  1. Simon Yates (Gb – Mitchelton-Scott);
  2. Dumoulin (Ola) a 47’’;
  3. Pinot (Fra) a 1’04’’;
  4. Pozzovivo a 1’18’’;
  5. Carapaz (Ecu) a 1’56’’;
  6. G. Bennett (N.Zel) a 2’09’’;
  7. Dennis (Aus) a 2’36’’;
  8. Bilbao (Spa) a 2’54’’;
  9. Konrad (Aut) a 2’55’’;
  10. Aru a 3’10’’